Il museo della figurina di Modena: il paradiso di un collezionista

Home / Mondo Figurine / Il museo della figurina di Modena: il paradiso di un collezionista
Il Museo della Figurina di Modena

Crediti della foto originale | Maurizio Malagoli [CC BY-SA 2.5], attraverso Wikimedia Commons

Potrebbe esistere luogo migliore per gli appassionati di collezionismo del Museo della Figurina di Modena? Semplicemente la risposta è no, perché è un po’ come andare a visitare la Disneyland del nostro mondo.

Qualunque amante delle figurine dovrebbe una volta nella vita effettuare questo pellegrinaggio. Ma cerchiamo di lasciare un attimo da parte la figurina come la conosciamo, infatti questo museo è a tutti gli effetti un’interessantissimo tuffo culturale nelle abitudini figurative e comunicative dell’umanità degli ultimi secoli. Ho detto proprio secoli! Perché forse in pochi ne sono a conoscenza, tuttavia come illustrazione la figurina ha una storia che va parecchio in là negli anni.

Pronto per partire alla volta di questo viaggio nel tempo? Torniamo ad oggi, alla nostra visita guidata virtuale al Museo della Figurina.

Storia del Museo della Figurina

Non sarebbe potuto sorgere che a Modena questo museo, anzi sarebbe stato quasi un sacrilegio se fosse venuto su in qualsiasi altro posto del mondo. Dopotutto Modena è anche la Panini, e la Panini è anche Modena: un connubio che negarlo sarebbe uno sforzo d’intelletto eccessivo!

Sono ormai oltre 30 anni che è nato il Museo per volere del fondatore della celebre casa del lanciere Giuseppe Panini, che nel 1986 fece dedicare una parte all’interno dell’azienda all’esposizione, per poi donare la collezione intera (e non parliamo di pochi esemplari, si intenda) al comune di Modena nel corso del 1992.

Va anche ricordato, anzi, che fu proprio per il volere di Giuseppe Panini che il Museo cambiò il nome in Museo della Figurina, tagliando via ogni richiamo del marchio dal nome, ad ulteriore testimonianza che lo scopo fosse voler creare un luogo che raccontasse la nobile storia di questo strumento di comunicazione.

Negli anni poi la struttura si è ulteriormente ampliata fino ad accogliere oltre mezzo milione di figurine e a raccontare questo mondo attraverso una miriade di interessantissime iniziative, ma soprattutto grazie alle esposizioni permanenti e alle mostre momentanee che ti invito a consultare sul sito ufficiale.

Le mostre permanenti del Museo

Lo scopo della struttura è raccontare la storia della figurina, delle origini dei metodi di produzione, di come si sia sviluppata come tecnica di illustrazione e mostrare oggi come ne avviene la creazione e l’impatto che ha avuto sulla cultura.Le rarissime figurine Liebig

Per questa ragione visitare il Museo della Figurina è un tuffo nella storia, un viaggio che è riproposto concettualmente nella divisione in sei parti dell’esposizione permanente:

  1. gli antecedenti, un ritorno alle origini per comprendere le tecniche e le matrici originarie che hanno permesso ed influenzato lo sviluppo successivo delle figurine.
  2. la cromolitografia, quella che potremmo definire la vera e propria nascita della figurina come la intendiamo oggi grazie ad un innovativo metodo di stampa chiamato stampa cromolitografica.
  3. la nascita e la diffusione, un iter di come la figurina abbia trovato consensi in tutto il mondo partendo dalla Francia.
  4. la Liebig, ossia la prima vera collezione famosa di figurine e una delle più rare come abbiamo già scritto.
  5. non solo figurine perché l’universo di questo tipo di arte è vastissimo!
  6. la figurina moderna, di sicuro la sezione del museo a noi più vicina e che riesce a carezzare i nostri ricordi, composta dalle figurine dello sport (e quelle famosissime dei Calciatori) e dello spettacolo.

Immagino che tu abbia l’acquolina alla bocca, n’est-ce-pas? Quindi continua a leggere per scoprire come si arriva al Museo.

 

Come raggiungerlo, orari e costo del biglietto del Museo della Figurina di Modena

Pianificare una gita al Museo della Figurina

Raggiungere il Museo è semplice data la posizione centralissima della struttura che lo ospita: si tratta del Palazzo Santa Margherita della città di Modena. Lo potrai trovare in corso Canalgrande al civico 103, ad appena un quarto d’ora di passeggiata dalla stazione.

Ovviamente se stai pianificando una visita tieni a mente che lunedì e martedì sono i giorni di chiusura mentre quelli che seguono sono gli orari di apertura al pubblico (a scanso di equivoci controllerei il sito web ufficiale):

  • dal mercoledì al venerdì, 11:00-13:00 e 16:00-19:00.
  • sabato, domenica e festivi, orario continuato dalle 11:00-19:00.

Sempre utili poi possono tornare i contatti del Museo:

  • telefono: 059 2032919
  • e-mail: museo.figurina@comune.modena.it
  • sito web

Ma soprattutto il costo rende davvero conveniente una sbirciata al museo, sia che tu sia a zonzo alla scoperta di quella bellissima città che è Modena sia se sei un appassionato del settore:

  • intero 6€
  • ridotto 4€ (sul sito sono visibili le varie condizioni)
  • gratuito principalmente per under 18 e over 65 e disabili, ma diverse sono le categorie che possono accedere alla riduzione.

E il tuo parere? Condividilo con noi!

Lo hai già visitato? E qual è il tuo giudizio?
Faccelo sapere sul nostro canale Facebook oppure taggaci in una foto su Instagram, questo è il nostro account.

In fondo la figurina è più bella se condivisa!

Francesco Trocchia
Francesco Trocchia
Nomade Digitale, vedo con i miei occhi e cerco di descriverlo a parole mie. Sono un Web Editor e mi occupo di Social Media, ma soprattutto rimango particolarmente impegnato nel vivere.
Related Posts